Calendario

«  
  »
L M M G V S D
 
 
 
 
1
 
2
 
3
 
4
 
5
 
6
 
7
 
8
 
9
 
10
 
11
 
12
 
13
 
14
 
15
 
16
 
17
 
18
 
19
 
20
 
21
 
22
 
23
 
24
 
25
 
26
 
27
 
28
 
29
 
30
 
31
 
Add to calendar

Iscrizione

Assimefac è una società scientifica a rilevanza nazionale. Conta quasi 5000 iscritti, ereditati da AssCuMI e SIMEFAC, ed è presente in 17 Regioni.
Se vuoi far parte della nostra associazione compila il modulo di iscrizione.
 

Dalle staminali embrionali una nuova via per curare il parkinson

Una nuova tecnica consente di trasformare le cellule staminali degli embrioni umani in neuroni capaci di rimpiazzare quelli distrutti dal morbo di Parkinson. Una volta trapiantati in animali, questi neuroni sono capaci di sopravvivere a lungo integrandosi bene con le altre cellule nervose.Lo dimostra su Nature uno studio statunitense co-finanziato dal consorzio europeo di ricerca NeuroStemCell, coordinato da Elena Cattaneo dell'universita' di Milano. Da oltre un decennio si usano le cellule staminali per produrre in laboratorio i neuroni dopaminergici, quelle cellule del cervello che producono una molecola-segnale chiamata dopamina che scarseggia nei malati di Parkinson. I neuroni cosi' 'rigenerati' sono stati finora incapaci di sopravvivere e integrarsi nel cervello dopo il trapianto e hanno mostrato la pericolosa tendenza a crescere in modo incontrollato, con il rischio di generare tumori. Per superare questo problema, i ricercatori americani guidati da Lorenz Studer, del Memorial Sloan-Kettering Cancer Center di New York, hanno sfruttato le nuove conoscenze sullo sviluppo del sistema nervoso guidando il programma genetico delle staminali verso la trasformazione in 'autentiche' cellule dopaminergiche, praticamente indistinguibili da quelle presenti nel cervello umano. Una volta trapiantati in tre modelli animali affetti dal morbo di Parkinson (topi, ratti e scimmie), i neuroni hanno dimostrato di poter sopravvivere a lungo termine e di integrarsi con le altre cellule nervose creando nuove reti di comunicazione. Inoltre non proliferano in modo incontrollato, scongiurando cosi' il rischio di tumori. In topi e ratti affetti da Parkinson, infine, il trapianto e' riuscito addirittura a contrastare alcuni sintomi della malattia. La disponibilita' di queste nuove cellule costituisce un importante passo avanti per la ricerca, e sembra poter aprire nuove strade per la lotta alle malattie neurodegenerative.

 Da Sanità News del 8/11/2011

Share/Save